Enter your keyword

WUNDERKAMMER DIMA – MANNEQUIN ART CHALLENGE

WUNDERKAMMER DIMA – MANNEQUIN ART CHALLENGE

Quasi nessuno, al giorno d’oggi, può vantare la frequentazione di atelier sartoriali; tuttalpiù, possiamo ricordare con affetto quell’episodio in cui la nonna, la zia o la vicina di casa, armate di metro e ditale, ci hanno minacciosamente intimato di rimanere immobili, così da poterci misurare la circonferenza di petto, spalle e vita…il risultato finale di tanta fatica? Un capo tagliato e confezionato sulle nostre forme, unico ed insostituibile come chi ce l’ha cucito addosso.

E se trovare sarti e modelliste in circolazione è ormai purtroppo impresa rara, ugual destino è riservato ai tanti manichini di legno che un tempo arredavano le loro boutique: abbandonati ad impolverarsi in qualche soffitta, questi eleganti antesignani della plastica possono già considerarsi fortunati ad essere riciclati in qualche scenografica vetrina di negozio..

E proprio dal polveroso magazzino di un laboratorio tessile arriva la nostra colorata coppia di manichini: privati del compito per il quale sono nati, i due busti hanno trovato nuova vita grazie all’artista argentina Wilma Piparo, che li ha trasformati in eclettici oggetto d’arredo ricoprendoli di tappi di bottiglie, spille, pezzetti di vecchi giocattoli rotti, temperini e migliaia di altri piccoli utensili abbandonati… una paziente operazione di “recupero sul recupero”, che aggiunge una sfida in più all’artigianalità di questi oggetti: quella della dimensione artistica.

Related Posts

No Comments

Leave a Comment