Enter your keyword

Lorenzo Franceschinis, cresciuto nell’entroterra Friulano, ma spirito ribelle spinto da sempre verso terre lontane, ha riallacciato il legame con la sua terra nel 2010 per intraprendere la strada dell’artigianato ligneo. Amante dell’autenticità, ha optato per il ritorno alla lavorazione manuale, dove la qualità primeggia su ogni altro aspetto. La naturale propensione alla sperimentazione e all’innovazione lo ha presto svincolato dai dogmi della falegnameria tradizionale, dove l’imporsi della monotonia e della serialità sacrificano l’anima della materia stessa.
L’approdo alla tornitura è stato casuale, spinto dalla curiosità per una tecnica arcaica e dimenticata. La mancanza di figure con cui confrontarsi lo ha portato a studiare, da autodidatta, il comportamento del legno nella sua forma più grezza, esaltandone i difetti. Ciò che rende le opere del designer tali non sono solo il suo talento ed il rapporto con la materia, ma i fenomeni naturali impressi indelebilmente nella struttura.
“Osservate un pezzo di legno e contate gli anelli, vi dirà quanti anni ci sono voluti per formarsi. Ora scegliete un anello e chiedetevi perché è diverso dagli altri. Il legno non mente, è un testimone imparziale del tempo.”
Chiaramente il rapporto del designer con il suo mezzo è di totale rispetto, recuperando il materiale solo da alberi morenti, o abbattuti per altri motivi.
A distanza di anni, Franceschinis persiste nel creare e ricreare forme elementari tentando di esporre l’anima del legno:
 “Non mi piace impormi, non sto lavorando su un pezzo di carta bianca, ogni eccesso mi allontanerebbe dalla bellezza intrinseca della materia viva, al contrario cerco di stabilire un dialogo con la sua unicità. E’ un processo in continua evoluzione, leggere il legno è come apprendere i segreti del tempo che si evolve. E’ la voglia di conoscere e conoscersi che mi spinge ad andare oltre.”
Lorenzo Franceschinis è protagonista, insieme all’artista concettuale Maria Savino, della mostra La Luce e L’Essenza, esposta presso gli spazi DIMA art& design dal 1 Aprile al 13 Maggio 2017.